BS
Via Bardonecchia 174/D - 10141 Torino - Tel.: +39-011.77.24.391 - Fax: +39-011.77.24.495 - e-mail: info@bookservice.it
La Coessenza è una casa editrice nata dal basso. È un'associazione culturale per la formazione e la comunicazione autonome. Promuove un'editoria estranea a logiche di profitto e sfruttamento degli autori e delle autrici. Lotta contro il copy right. Si fonda sui principi di condivisione della conoscenza, beni comuni, reciproco ascolto e antirazzismo.
Za Peppa

Libri

Za Peppa


- Come nasce una mafia. Alle origini della malavita cosentina
- Oggi come ieri, la malavita cosentina vive di edilizia e prepotenze. Oggi come ieri, è la risposta ignorante e violenta alla pervasività delle organizzazioni massoniche cosentine. Oggi come ieri, sono pochi quelli che la contrastano in basso.

- “Za Peppa, come nasce una mafia/alle origini della malavita cosentina” nasce dalla volontà di ricostruire l’andamento di quello che fu un vero e proprio maxi-processo, con avvocati e procuratori di un certo livello, che alla sbarra vedeva gli esponenti di un’organizzazione criminale che si può definire una vera cosca mafiosa, anche se il termine utilizzato era mala vita. “Il capo di questa organizzazione - racconta l’autore Claudio Dionesalvi - era il ventenne Francesco De Francesco, detto Za Peppa. Il suo clan dominava incontrastato: gestiva gli affari illeciti della città e lo faceva in modo grottesco, senza armi da fuoco, che erano ancora rarissime, ma servendosi dell’arma bianca, rasoio e pugnale. Anche se non siamo riusciti a trovare il fascicolo connesso al procedimento giudiziario, dai documenti si capisce che c’era una forte egemonia dell’alta borghesia che, allora come oggi, rimase impunita.
Il processo si concluse con condanne più o meno pesanti; scontata la pena queste persone ricominciarono a fare le stesse cose che facevano prima”. La cosa interessante è che, per mezzo delle cronache del processo, il libro traccia il ritratto di una città che l’autore definisce più affascinante di quella odierna: in crescita, con una forte vivacità in campo editoriale e giornalistico e più rigogliosa anche dal punto di vista politico.
Tutto è cominciato nella Biblioteca Civica di Cosenza con il reperimento, da parte di Paride Leporace (direttore de "il Quotidiano della Basilicata" n.d.r.), di materiale riguardante articoli tratti da vecchie testate giornaliste, Giornale di Calabria, Cronaca di Calabria, Il Domani, relative ad un processo svoltosi in città nel 1903. Leporace ha passato la documentazione a Claudio Dionesalvi – uno dei figli migliori della città, scrive nell’introduzione – il quale, con l’ausilio di Maria Spadafora (archivista presso la Provincia di Cosenza n.d.r.) che si è occupata delle ricerche d’archivio, ne ha tratto uno splendido libro.
Mario Verta
www.sottosuolo.it


Claudio Dionesalvi è un insegnante ribelle di scuola media.
Già direttore responsabile di Tam Tam e Segnali di Fumo.
È uno dei fondatori dell’associazione Coessenza.
Ha collaborato (e attualmente collabora) con diverse testate (il manifesto, Carta, ecc.)
Ha pubblicato:
- Comunicazione e potere nello spettacolo calcistico, Cosenza, Edizioni Satem, 1997
- Mammagialla, Soveria Mannelli, Rubbettino Editore, 2003
- I luoghi e gli spettri (AA.VV.), Cosenza, TTSF, 2005
- Rubbina, Un racconto sugli zingari di Cosenza (AA.VV.), Soveria M., Cittàcalabriaedizioni, 2006
- Za Peppa, Come nasce una mafia. Alle origini della malavita cosentina, Cosenza, Coessenza, 2007.
Ha curato la traduzione di
- Subcomandante Marcos, COSÌ RACCONTANO I NOSTRI VECCHI... Narrazioni dei popoli indigeni durante l’Altra Campagna, Napoli, Edizioni Intra Moenia, 2009.

Cultura, politica e società a Cosenza. Appuntamenti